E-mail marketing: 8 tecniche per rendere più efficaci le tue newsletter

Le tue campagne di e-mail marketing stentano a decollare? Le newsletter che finiscono nel cestino senza essere aperte superano di gran numero quelle aperte e visualizzate? L’Open Rate e il Click Rate sono bassi? Bene, è giunto il momento di cambiare qualcosa, di prestare attenzione a dettagli e particolari, di migliorare strategie e tecniche. Fermo restando che ogni situazione è a sé e dipende dal brand in questione, dall’obiettivo che si vuole raggiungere, dall’offerta che si propone, dalla strategia pianificata, vi sono alcuni importanti accorgimenti che possono aiutarti a migliorare le campagne di e-mail marketing. Di seguito te ne suggerisco 8!

8 efficaci tecniche di e-mail marketing

Sicuro che stai facendo proprio tutto quanto nelle tue possibilità per ottenere risultati positivi ed efficaci dalle tue campagne di e-mail marketing? Qui ti suggerisco 8 accorgimenti che probabilmente stai trascurando ma che devi tenere bene a mente!

#1. Comincia dall’oggetto

L’oggetto delle tue newsletter è la tua esca, il primo strumento che hai a disposizione per attrarre l’attenzione e incuriosire il tuo lettore. Secondo alcune ricerche, ben il 33% dei lettori decide se aprire o meno un’e-mail dopo aver letto l’oggetto. Come deve essere l’oggetto delle tue e-mail, quindi?

  • Interessante,
  • breve,
  • incisivo,
  • creativo quando possibile,
  • informativo quando necessario,
  • empatico,
  • diretto,
  • coinvolgente.

Sì, esatto, il tuo oggetto deve contenere tutte queste caratteristiche se vuoi convincere i tuoi lettori a cliccare sulla newsletter che gli stai inviando.

N. B. Una buona tecnica per attrarre l’attenzione è anche quella di accompagnare l’oggetto dell’e-mail con una o due emoticons coerenti.

#2. Concludi con incisività

La conclusione è importante quanto l’inizio. Anche questa deve essere incisiva, empatica e, sopra ogni cosa, deve suscitare emozioni positive. E’ l’ultimo saluto, l’ultima possibilità che hai a disposizione per impressionare e persuadere il destinatario. Diverse ricerche hanno dimostrato che concludere un’e-mail con grazie in anticipograziegrazie a te, ha effetti benefici molto importanti sul convincimento del lettore a compiere l’azione che tu desideri faccia (acquistare un prodotto o un servizio, cliccare un link, scaricare una risorsa, richiedere un preventivo, ecc.).

#3. Giorni e orari contano

Ovviamente non abbiamo a disposizione un magico calendario capace di indicarci in quali giorni e orari è preferibile inviare le nostre e-mail. Magari esistesse! Come fare, allora? Devi procedere in due modi:

  1. studia attentamente il tuo target e le sue abitudini quotidiane in fatto di connessione, ricettività o meno di fronte ad uno stimolo, disponibilità di tempo;
  2. Testa. Seguendo una strategia ben definita, che comincia sempre dall’analisi del tuo target di riferimento, prova a inviare le tue comunicazioni in giorni e in orari differenti e analizza i dati. Come si comportano i tuoi lettori?

#4. Quali e-mail hanno avuto più successo? Quali sono state un fallimento?

Studia i dati e cerca di capire cosa ti dicono: quali e-mail hanno avuto successo? E quali si sono rivelate un fallimento? Cosa hanno in comune le une e le altre? E a cosa è imputabile, secondo te, l’esito positivo o negativo? Sulla base di quel che riesci a capire, elabora le tue successive campagne di e-mail marketing.

#5. Scrivi chiaro, breve e semplice

Le tue e-mail devono facilitare la vita al lettore, non complicargliela inutilmente, finendo così per allontanarlo e perderlo. Per quanto possibile, i tuoi contenuti devono essere brevi e chiari, devono puntare sulla semplicità e immediatezza, che non vuol dire banalizzare il messaggio o l’informazione ma ottimizzarla in funzione del tempo e dell’attenzione che i tuoi lettori ti stanno donando. E, si sa, loro vogliono tutto e subito.

#6. Sii diretto e personale

Quando scrivi la tua e-mail, utilizza un tono di voce informale e conversazionale (certo, tutto dipende sempre dalla tua audience di riferimento). Prediligi il tu e la comunicazione diretta, che faccia sentire il tuo lettore come alle prese con una piacevole chiacchierata tra amici. Così si sentirà per te importante, non si sentirà un numero fra tanti e sarà portato a fidarsi delle tue parole.

#7. Offri qualcosa di prezioso

Un buon modo per indurre i destinatari ad aprire prima e a continuare a leggere poi le tue e-mail è offrire loro qualcosa di prezioso, che abbia un valore concreto, che possano realmente apprezzare. Un buono? Una risorsa gratuita? Una promo? Questo dipende da te e, ancora una volta, dal tuo destinatario di riferimento.

#8. Non assillare

Le comunicazioni assillanti sono quelle che fanno scappare a gambe levate i tuoi clienti o potenziali clienti. Stargli continuamente addosso con e-mail e messaggi, magari anche inutili, non solo non gioverà alla tua strategia di e-mail marketing, ma comporterà perdite dannose nel tuo database di iscritti. Analizza i dati, studia il target, valuta la reale importanza di quel che hai da dire e poi decidi con quale frequenza è preferibile inviare le tue e-mail.

 

Hai bisogno di un professionista della comunicazione che ti aiuti a promuovere il tuo brand?

Contatta Daniele Romei, consulente in comunicazione aziendale ed ambientale